Cosa fa un manager atleta e perché potresti averne bisogno
16259
post-template-default,single,single-post,postid-16259,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Manager atleta: cosa fa e perchè può esserti utile

Manager atleta: cosa fa e perchè può esserti utile

 

“Coprimi di soldi!“ *

Se pensate che questo sia lo scopo unico e principale di un manager atleta, è giunto il momento di fare un po’ di chiarezza.

Conoscete la celebre pellicola diretta da Cameron Crowe, nella quale un giovane e rampante Tom Cruise, impersona un promettente procuratore sportivo senza scrupoli, che viene poi costretto a cambiare dagli eventi della vita?

Sto parlando proprio di Jerry Maguire: una storia che ha molto da insegnare per entrambe le parti della barricata, che si sia manager o atleti.

La frase più celebre di questa pellicola, pronunciata dal suo unico giocatore rimasto è “Coprimi di soldi”.

Qui infatti non siamo in America e non parliamo di football.

*[Nel 2005 questa frase fu scelta da 1500 addetti ai lavori dell’American Film Institute come la numero 25 tra le 100 migliori citazioni cinematografiche di tutti i tempi tratte da film di produzione USA]

Chi è il manager atleta? 

Da quando  nel 2016 ho iniziato a svolgere la mia professione freelance di sport marketing manager, e ad uscire allo scoperto rispetto alle differenti attività che svolgo, in particolare quella di manager atleta, mi sono sentita più volte rivolgere domande come questa.

Mentre ciascuno di voi avrà sentito parlare di figure manageriali legate, ad esempio, al mondo degli artisti e dello spettacolo, non è così comune oggi inciampare in un manager per atleti.

La mia attività ha avuto inizio dalla passione che nutro ancora oggi per una nicchia bel specifica di sport spesso considerati minori, ovvero quella degli sport outdoor, sport cosiddetti “minori”, che si svolgono perlopiù in ambienti naturali, basati sui concetti di resistenza e fatica, a volte slegati dai circuiti agonistici e di gara.

Pensiamo all’arrampicata, all’alpinismo, al trail running, allo sci alpinismo, a tutte le discipline legate a concetti di resistenza e fatica: ultra running, ultra cycling, ecc.

Si tratta di un contesto molto differente, per cifre di fruitori e mercato, da quello degli sport di serie A, nei quali opera solitamente la figura del procuratore sportivo.

Di recente altre categorie di sportivi hanno iniziato ad avvicinarsi a me e a richiedere il mio supporto: ciò  è possibile in quanto le metodologie alla base di un piano di carriera promozionale possono ( e devono!) essere adattate ad ogni specifica disciplina e atleta.

Questo spiega come mai, prima di avviare un rapporto di management per un atleta, io chieda sempre un periodo preliminare di conoscenza, necessario ad acquisire una conoscenza reciproca e maggiore del mercato di riferimento.

L’importanza di un supporto legale 

L’evoluzione del mio mestiere, mi ha portata a considerare la necessità di integrare i miei servizi di manager sportivo con quelli di un avvocato sportivo: una consulenza di un legale specializzato nel diritto sportivo, è un valore aggiunto che ho deciso di offrire agli atleti che scelgono di lavorare con me.

Oltre alla giovanissima Marta Grima, Avvocato di formazione oggi specializzata nelle strategie digitali, autrice dell’articolo sui contratti di sponsorizzazione sportiva ( se lo avete perso, lo trovate qui!), il mio team si arricchirà di un’altra importante collaboratrice sul piano legale.

Sto parlando di Valentina Dicorato, Avvocato penalista specializzata in Diritto e Sicurezza sul lavoro, già legale di diverse atlete professioniste, da sempre appassionata dell’ambiente sportivo.

Grazie al supporto di Valentina, dall’autunno la mia offerta si arricchirà di una sezione speciale dedicata all’assistenza contrattualistica e legale per gli atleti e di altre interessanti novità e convenzioni per i miei clienti, che vi sveleremo a tempo debito!

 

..e il procuratore sportivo? 

Prima di proseguire, trovo sia quindi importante distinguere il manager atleta da un procuratore sportivo (alla Jerry Maguire, per intenderci!)

Costui è la figura che si occupa di gestire i contratti di ingaggio dei calciatori con le grandi società calcistiche, percependone una percentuale del compenso di ingaggio, solitamente pari al 3%.

Chiaramente, nel caso di ingaggi calcistici da parte di grandi società, potete immaginare il volume delle cifre trattate a favore del calciatore e del suo “agente” o “ procuratore sportivo”.

Il procuratore sportivo, per esercitare tale professione, deve superare un esame ed ottenere la qualifica di agente, entrando a far parte dell’associazione di categoria Assoagenti.
Superare l’esame significa essere abilitato ad esercitare l’attività di agente di calciatori sia in Italia che all’estero.

 

 

Cosa fa ( davvero) il manager atleta? Ovvero…cosa faccio io?

Accantoniamo per un attimo la romantica e avventurosa figura di Jerry Maguire e torniamo a me.

Che cosa fa quotidianamente, per i suoi clienti, un manager atleta, in ambito outdoor?

Riporterò qui un insieme di attività concrete che io stessa mi trovo a svolgere per i miei atleti nel “dietro le quinte” delle mie giornate.

  • Promuovo l’immagine, il nome e l’attività professionale dell’atleta attraverso incontri e colloqui con gli operatori e gli imprenditori del settore in genere;
  • Prendo in considerazione ed esamino proposte di sponsorizzazione provenienti dalle aziende private e pubbliche, e dagli operatori dello sport, allo scopo di individuare le proposte e i ruoli rilevanti e adatti all’Atleta, che poi sottoporrò alla sua attenzione e sulle quali lavoreremo;
  • Fornisco consigli, assistenza ed informazioni, sulla situazione lavorativa generale nel mondo dello sport Outdoor e sulla posizione professionale della figura atleta, anche per aiutarlo ad acquisire maggiore consapevolezza nelle sue scelte;
  • Assisto l’Atleta nelle trattative riguardanti contratti di attività ed apparizione sportiva di ogni genere, con attenzione sia al contenuto economico degli stessi, sia a quello professionale e personale, in modo da tutelare nella maniera più completa gli interessi e l’immagine dell’Atleta;
  • Procuro occasioni di visibilità all’Atleta, attraverso il suo network di contatti, e altresì lo aiuto a valutare e gestire correttamente ed in maniera proficua le richieste di presenze che gli arrivano direttamente;
  • Mi occupo della divulgazione dei contenuti e dei feedback sulle serate e sugli eventi, attraverso i miei canali digitali e l’ufficio stampa istituito ad hoc dal promotore della serata.

Questi sono solo alcuni esempi di una professione piuttosto sfaccettata e che si articola su diverse opportunità ed azioni.

Ogni atleta è diverso e necessita di un supporto personalizzato, a seconda dell’attività sportiva che svolge, degli Sponsor che ha al seguito o di quelli che vorrebbe acquisire, delle attitudini comunicative che ha sviluppato maggiormente e di quelle invece sulle quali ha più bisogno di stimolo e spinta.

Per concludere…

Il Manager Atleta non è l’agente di vendita che con la valigetta piena di dollaroni vola da uno Sponsor all’altro né la Fata Turchina dotata di bacchetta magica.

É piuttosto un aiutante fedele, un consigliere, una spalla e soprattutto una guida professionale che può aiutare l’Atleta o lo sportivo professionista ad orientarsi  e a crescere nella propria professione.

L’unico ingrediente davvero “magico” è la fiducia reciproca che Atleta e manager devono avere l’uno nei confronti dell’altro, a partire dall’inizio del rapporto.

Se si lavora sodo, in sinergia, seguendo una strategia che si fondi su obiettivi misurabili e condivisi, allora i risultati arrivano.

E magari, con il tempo,  anche i dollaroni!

 

Ti piacerebbe lavorare con me?

Da settembre riaprirò le candidature per gli atleti interessati ad un supporto di tipo manageriale da parte mia.

Garantisco pochi posti ogni anno, perché come puoi immaginare si tratta di un rapporto professionale ma soprattutto umano molto impegnativo:
perciò voglio essere sicura di poterti dedicare le giuste energie per ottenere risultati davvero efficaci.

Se sei un giovane atleta o uno sportivo professionista già avviato nella tua carriera e stai pensando ad una spalla,  posso essere la persona giusta per te.

Il mio servizio si compone di una base fissa più un compenso su percentuale, in base ai risultati ottenuti che avremo concordato assieme all’avvio del rapporto.

 

 

[/vc_column_text]

Voglio ricevere informazioni sul tuo servizio di manager per atleti e sportivi professionisti

[/vc_column][/vc_row]

No Comments

Post A Comment