Dall'impresa al film: quando l'alpinismo diventa notizia
16315
post-template-default,single,single-post,postid-16315,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Dall’impresa alpinistica al film: quando la montagna si fa notizia

Dall’impresa alpinistica al film: quando la montagna si fa notizia

La montagna è piena di azioni spettacolari e di bravi scalatori: ma cosa accade quando un’impresa alpinistica diventa notizia?
Qui vi racconto la storia di Federica Mingolla e della sua Via del Pesce, vista dall’altra parte dell’obiettivo e di come la prima salita femminile di questa classica difficile via in Marmolada è diventata notizia e poi un film, ad oggi protagonista di un tour di successo.

A soli due mesi dall’incontro con la giovanissima Federica Mingolla, climber e alpinista professionista di Torino, in seguito all’ingresso nel Team di OpenCircle, una serie di progetti a catena, cuciti su misura per me e per i miei compagni di avventura,  hanno preso vita. E con essi, anche io ho ricominciato in quell’estate a vivere.

Primo tra questi, il cortometraggio che ha documentato la prima salita femminile in libera della Weg Durch Den FISCH, la conosciuta e temuta “Via attraverso il Pesce” in Marmolada.

Via del pesce- Marmolada

Via del Pesce- Marmolada_ sviluppo verticale

Il progetto FISCH

Come si è sviluppato esattamente questo connubio e quali sono le azioni che trasformano un progetto alpinistico fino a quel momento celato nel cuore e nei desideri di una giovane climber, in un circolo virtuoso che, tenendo al centro l’Atleta, riesce a catturare l’attenzione del pubblico verticale sulla sua impresa alpinistica, mantenendolo con il fiato sospeso per diverse settimane?

Tutto nasce dalla volontà di Federica Mingolla, in questo caso, e dal suo forte desiderio di ripetere una via alpinistica dotata di grande fascino classico ed estetico, mai prima completata da una donna: il primo step è la condivisione di questo progetto con la sua Manager, ovvero io.
Seguono la stesura di un progetto grafico, che riporti uno storytelling legato all’ Atleta.

Non sto parlandodi una semplice Bio, quanto piuttosto dell’espressione della sua filosofia e dei suoi obiettivi di climber professionista.
La grafica 2D non è sufficiente a catturare l’attenzione degli Sponsor, occorre un ingrediente in più: il movimento.

 

L’importanza del Team

Un paio di mesi prima dell’impresa, la troupe di Open Circle ,  io, come Manager e Federica in persona, abbiamo realizzato in Grigna un primo trailer di presentazione dell’ atleta, un contenuto breve ma efficace, che punta dritto al cuore di chi, guardandolo, viene subito catturato dal Vertical Dream di Federica.

My Vertical Dreams – Federica Mingolla from OpenCircle on Vimeo.

Io stessa mi emoziono ancora oggi nel rivederlo!

 

A questo punto inizia il contatto vero e proprio con gli Sponsor, sia quelli tecnici che seguono tutto l’anno l’Atleta, ( nel 2016 Federica era ancora supportata da Ferrino, Wildclimb, Sherpa Mountain Shop e il tutt’ora presente Petzl Italia) i quali avranno la precedenza nel supportare il progetto, che quelli diciamo più specificatamente “territoriali” .
Il contributo logistico del Consorzio Marmolada, nel reperimento delle location atte agli avvicinamenti di Federica e del suo secondo di cordata, così come di altri “local” ( uno per tutti Federico Sordini, instancabile abitante adottivo di Malgaciapela, ideatore del marchio di calze in lana ELBEC) risulta ingrediente fondamentale per la buona riuscita dell’operazione.

Il 16 Luglio 2016, in sole 18 ore e 27 minuti, Federica Mingolla ed il suo secondo di cordata, Roberto Conti, alpinista Bresciano, completano i 32 tiri lungo i 900 mt della Via attraverso il Pesce. In questa giornata, le uniche riprese sono quelle effettuate dai droni professionali di Dolomiti Tv.

Federica Mingolla sulla Via del Pesce

Federica e Roberto sulla parete del Pesce in Marmolada

Il giorno successivo è quello del CIAK: l’instancabile Federica ed il suo fido compagno ripetono la salita, questa volta solo fino alla celebre nicchia a forma di Pesce che dà il nome alla Via, sotto le videocamere e gli obiettivi di Pietro Bagnara e Klaus dell’Orto, che li seguono in parete lungo le statiche accompagnati dalla guida alpina Nicola Tondini.

Riprese panoramiche e time-lapse sono opera della creatività del videomaker Mirko Sotgiu.

riprese sulla via del Pesce in marmolada

Opencircle Team e Federica Mingolla sulla Via del Pesce

 

A distanza di poche ore, mentre il comunicato stampa dell’impresa accompagnato dalle foto press di rito, ha già fatto il giro dei principali siti verticali, il Trailer è pronto e può essere rilasciato sul web.
Trascorreranno un paio di mesi di lavoro intenso, montaggio e post produzione, prima che il prodotto finale, dal titolo FISCH: CLIMBING THE GREY OCEAN WALL, possa essere rilasciato agli Sponsor e al pubblico.
Il 16 Ottobre il film viene presentato ufficialmente all’Aquila, in occasione del Festival della Montagna, con una serata interamente dedicata a Federica e alla sua giovane carriera alpinistica, dinanzi ad un pubblico di quasi 200 persone all’interno del suggestivo Auditorium Renzo Piano.

 

Serata Federica Mingolla al festival della Montagna dell'Aquila

 

               Qui potete rivivere le emozioni di Federica e di OpenCircle sulla Via del Pesce!

No Comments

Post A Comment